Gianni Safari

GIANNI SAFARI

Omaggio a Gianni Rodari di Giovanni De Feo

Ho fatto un safari

Con Gianni Rodari

Ma senza gli spari

Che si alzino i sipari

C’era una giraffa

Con in mano una caraffa

Poi c’era un cammello

Con in testa un cappello

C’era un elefante

Che parlava con Dante

Nel mezzo del cammino

Dentro un pulmino

Si parlava di pace

In modo assai loquace

Si parlava di ambiente

In modo convincente

L’aria dev’esser pulita

Lo dice anche il gesuita

Il mare limpido e terso

Sennò mi sento perso

Il mondo con pochi rifiuti

Dall’Italia fino al Gibuti

Ci vogliono gli impianti

Altrimenti son pianti

Le pale girano al vento

Con tanto sentimento

I pannelli sopra i tetti

Vicini vicini stretti stretti

Le pale anche in mare

Fatte bene si possono fare

Serve tanta energia

Con buon senso e allegria

Sulla Terra siamo in tanti

Vicini col cuore ma distanti

Colpa di un virus contagioso

Ma io rimango comunque gioioso

Alla fine faremo il vaccino

E riprenderemo il nostro cammino

Fatti non fummo a viver come bruti

Fiammelle accese altro che imbuti

Cercheremo la sapienza

Con metodo e pazienza

Aiutateci a imparare

A gioire e ad amare

Il safari è finito

E mi son divertito

Senza fumi e senza spari

Ho visto il volto di Rodari!